//Perchè proprio la Danza Movimento Terapia

Perchè proprio la Danza Movimento Terapia

A chi mi chiede perché ho deciso di dedicarmi alla Danza Movimento Terapia….

Rispondo che mi ha salvato la vita. Già perché in fondo è proprio così, in anni di pratica mi ha ridato la capacità di sentire, di amarmi, di apprezzarmi per ciò che sono e di tracciare la mia strada e ora che sono Danza Movimento Terapeuta di professione, conduttrice di meditazioni, organizzatrice professionale per il benessere e  futura psicologa in formazione, vorrei condividere con te questo piccolo segreto. 

Cos’ha tanto di speciale il movimento come terapia o lavoro di crescita personale?

La preziosità sta nel fatto di saper essere semplicemente spontaneo e vero, senza filtri, senza aspettative o manipolazioni, è così com’è, bello o brutto, coordinato o scoordinato, ma non importa. Ciò che fa emergere è la tua verità personale, ciò che provi ed il tuo personale modo di rapportarti all’ambiente circostante e agli altri. 

Guarda la spontaneità nei giochi dei bambini, non si preoccupano di danzare correttamente, di fare performance perfette, di avere una presenza eretta e fiera, a loro interessa solo esprimere se stessi, ciò che sentono, al massimo della creatività, senza intrappolarsi in pensieri limitanti o fissi. 

Johan Chodorw, analista Junghiana e Danza Movimento Terapeuta dice: “I nostri più intensi momenti di commozione di solito ci lasciano senza parole ed è proprio in questi momenti che il corpo riesce a comunicare ciò che altrimenti resterebbe inespresso”. 

“La ritualità del movimento libero offre una modalità espressiva e un contenitore all’ansia di fronte a ciò che non conosciamo. Diventa quindi veicolo di espressione, trasmissione e trasformazione delle nostre emozioni. “

E quindi ora ti chiederai, ma alla fine cosa ci faccio con tutta questa spontaneità? 

Essere consapevoli del proprio corpo e di come ci si muove nel mondo aiuta ad acquisire una maggiore sicurezza e capacità di relazione con gli altri, nelle relazioni personali e nel lavoro. Imparare di nuovo ad ascoltarsi per vivere meglio, significa non solo ascoltare i propri pensieri, ma anche le proprie sensazioni e  ciò che emerge dal corpo, al di là della nostra immagine riflessa allo specchio, che ci identifica in qualcosa di fisso e immutabile. 

Galimberti afferma che il corpo disegna lo spazio della vita, disegna il tempo. Si parla di vissuto corporeo poiché è il corpo che vive le situazioni del mondo.

Non vi è “Persona” senza “Corpo”: noi siamo il nostro personale sentire, siamo ciò che esprimiamo, siamo ciò di cui facciamo esperienza. A questo punto diventa importante tracciare un filo tra l’espressione corporea e la coscienza, che permetta anche solo minimamente di toccare la nostra realtà e farci sentire un po’ integri e centrati in questo complesso mondo. 

2019-02-02T14:01:37+00:00

Continuando ad utilizzare questo sito web, accetti la policy cookies info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic si accetta la Policy Cookies.

Chiudi